via Lavezzola 128/1 , Ferrara
+39 3333134516

Iper-comunicare e canalizzare

Associazione di promozione sociale N.O.I.

Iper-comunicare e canalizzare

Mi rendo conto che probabilmente sto forzando il discorso tentando di creare diversità tra due concetti che sembrano essere simili, ma in realtà c’è una notevole differenza tra esprimere l’essenza e prestarsi come mezzo di comunicazione.

L’essenza

Esprimere l’essenza si riferisce a iper-comunicare, mentre prestarsi come mezzo di comunicazione ci pone nella condizione di essere dei canali, canalizzando per l’appunto.

Essere un canale

Da un lato la canalizzazione ci mette al riparo da ciò che si potrebbe esprimere tramite il mezzo (noi), perché considerandoci come un canale la “responsabilità” viene spostata su quello che passa attraverso di esso. Con questa ultima affermazione non sto assolutamente alludendo al nostro coinvolgimento in un passaggio di informazione a bassa vibrazione. La responsabilità di cui sopra non è assolutamente relazionata alla frequenza che si manifesta nel canale, piuttosto al nostro ruolo durante questa pratica.

In sostanza, essere un canale significa fare spazio nel “cavo” di comunicazione, così da permettere all’informazione di emergere; però questo non ci pone in condizione di essere “partecipi” dell’espressione, perché un “canale” è sempre utilizzato senza mai prendere parte all’informazione stessa. Queste parole vogliono enfatizzare la natura del mezzo che è rappresentata dal cavo, il quale non fa altro che permettere il passaggio di dati.

Essere!

Ben altra questione invece è essere l’informazione che si vuole esprimere o si sta esprimendo in un preciso momento. L’iper-comunicazione porta proprio questo tipo di concetto, cioè evadere dal riduttivo prestarsi come “cavo” e divenire l’informazione stessa, beneficiando appieno dello “spostamento” totale in una determinata frequenza (informazione).

Iper-comunicare inoltre è strettamente riferito all’espressione di sé, cioè portare (comunicare) sé stessi oltre (iper) il velo dell’Io che ricopre e imita maldestramente la nostra forma energetica.

In merito al velo dell’Io: Il viaggiatore – Il velo dell’Io

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *